Testimonianze Avis: Stefano, talassemico, ci dice di superare le nostre paure

Oggi un nuovo appuntamento con le testimonianze dei nostri donatori. Perché hanno scelto di diventarlo e cosa la donazione ha donato a loro.

Potete inviare la vostra tramite le pagine social di Avis Milano

Ecco il racconto di Stefano

Tante volte ho sognato una vita senza più bisogno di trasfusioni, immedesimandomi dalla vostra parte; sembrerà assurdo ma per noi talassemici vivere una vita come la vostra, una vita
normale, è una cosa eccezionale, ma che grazie ai donatori di sangue riusciamo a fare ogni giorno, magari qualche giorno di più e qualche giorno di meno.
Poi delle volte penso: “Se domani andassi all’ospedale e mi dicessero che purtroppo di sangue non ce n’è più? che nessuno ha voluto donare”. Allora cerco di mettermi nei vostri panni:
ma se chiedessero a me di donare il sangue?…Col cavolo!..mi mettono un ago e mi tolgono del sangue, che poi magari svengo pure!
Eppure ogni giorno siamo disposti a fare cose ben più strane, rispetto a SALVARE la vita ad altre persone. Pensate che sensazione strana sarebbe andare a casa, sedersi sul divano e dirsi:  «Che male quell’ago. Però…. forse oggi ho salvato una vita!»
Se potete andare oltre alle vostre paure, DONATE! Si dice che faccia bene a noi, ma soprattutto a voi!
Ce ne è bisogno sempre di più, quando si dice è una questione di vita o di morte in questo caso purtroppo è proprio così…
Quindi: “Più sangue per tutti”



No comments yet.

Lascia un commento