Infermiere e donatore: Un professionista ma anche un “compagno” della donazione

InfermiereDonare il sangue è un gesto di solidarietà che coinvolge più persone. Il donatore prende coscienza di sé e di ciò che può fare per gli altri e il paziente che riceve un bene prezioso per la sua vita. L’infermiere che effettua il prelievo al donatore di sangue, svolge un ruolo chiave nel fidelizzare  il donatore e tenerlo aggiornato sulle novità in essere presso il Centro Trasfusionale.

Professionista sanitario ed un amico prezioso

L’infermiere è un professionista che ti regala serenità mentre effettui il prelievo ti rassicura durante questa operazione. Una persona competente che può fornirti tutte le informazioni di cui necessiti in modo da rispondere a tutte le tue curiosità e dubbi su ciò che stai facendo. È la figura professionale con cui stai condividendo un evento importante: stai donando vita.
Ti sostiene ad ogni prelievo in quanto è la figura più vicina a te, la persona a cui rivolgerti per ogni necessità.

Un compagno della donazione che ritroverai ad ogni appuntamento per proseguire il cammino verso un obbiettivo importante che è quello di fornire supporto agli Ospedali cittadini che si occupano di effettuare trasfusioni per curare persone malate e sofferenti.

Il ruolo dell’infermiere è fondamentale in quanto è la persona che ti fornisce assistenza durante il prelievo e fa in modo che questo avvenga nel miglior modo possibile evitando disagi e malesseri. Puoi affidarti all’infermiere senza alcun timore esprimendo le tue sensazioni e comunicando con lui in ogni momento.

Come avviene la donazione

La donazione del sangue avviene mediamente in 15 minuti. Durante questo periodo l’infermiere effettua il prelievo mentre tu sei comodamente sdraiato sul lettino o sulla poltrona.
Prima di inserire l’ago viene effettuata una disinfezione dell’area, fatto questo si procede con l’inserimento in vena e il sangue esser raccolto nell’apposita sacca.
Gli strumenti utilizzati sono sterilizzati e monouso, per esclude ogni rischio di contrarre malattie infettive.

Si consiglia sempre di bere molta acqua nelle giornate precedenti la donazione e dopo il prelievo in quanto l’organismo, nelle 24 ore successive al prelievo, ripristina i liquidi persi durante la donazione appena avvenuta.

SEI UN INFERMIERE CON ESPERENZA PRESSO UN CENTRO TRASFUSIONALE?

Contatta AVIS Milano ( info@avismi.it ) inviando il to C.V. e la tua candidatura come infermiere prelevatore.   Presso i Centri gestiti da AVIS Milano possono liberarsi alcune posizioni ed avere candidati idonei può aiutarci a garantire il miglio servizio per il Donatore.

<a href=”https://www.freepik.com/free-photos-vectors/background”b>Background photo created by snowing – www.freepik.com</a>

Autore: Vianello Christian



About Blogavismi

L' Associazione Volontari Italiani del Sangue è un'associazione apartitica, aconfessionale, senza fini di lucro, nata con lo scopo di promuovere la cultura della solidarietà e del dono del sangue come elemento fondamentale di una società che pone al centro la persona.
No comments yet.

Lascia un commento