Dove finisce e a cosa serve il sangue che doniamo

Oggi per la rubrica testimonianze vi proponiamo un interessane articolo scritto da Emiliano Magistri per Donatori H24 che racconta dove finisce il sangue donato 

Scelta etica e azione volontaria non retribuita. Tutto per garantire terapie e, di conseguenza, speranza di vita a tanti pazienti. Donare il sangue significa tutto questo e non solo. Per oltre un milione e 700mila volontari sparsi sull’intero territorio nazionale, un patrimonio tutto italiano, ogni giorno recarsi in un centro trasfusionale vuol dire dare il proprio contributo verso gli altri e, perché no, verso se stessi. Un’occasione per garantire cure al prossimo ed essere incentivati verso un corretto stile di vita, un modo per restare costantemente monitorati e tenere sotto osservazione anche il proprio stato di salute.

Eppure, spesso, capita di non pensare a quale sia il percorso che poi prenderà la sacca, di sangueplasma, che grazie a noi è stata riempita. Non a caso, le associazioni di volontariato, che quotidianamente sensibilizzano e organizzano eventi per informare sulla cultura del dono, fanno leva sulle testimonianze di coloro che, grazie a quel sangue o ai suoi derivati, si curano e vivono. Anche il Centro nazionale sangue, con una infografica, ha spiegato schematicamente quanto sangue o plasma è richiesto per far fronte a un intervento chirurgico o alle necessità di una persona vittima di un incidente stradale. Proviamo, sinteticamente, a spiegarlo anche qui.

 

Continua a leggere su Donatori H24 



No comments yet.

Lascia un commento