In Italia potrebbero mancare i medici di base

Il governo ha comunicato l’intenzione di togliere il test di ingresso per la facoltà di medicina, ma i commenti dei rappresentanti di categoria hanno lasciato trapelare perplessità.

 

«Ci aspettavamo un intervento importante del governo nel campo della formazione dei medici – ha detto il presidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani, Pierluigi Marini –, ma l’abolizione del numero chiuso per l’accesso alle facoltà di Medicina, senza un congruo aumento delle borse di specializzazione rischia di essere un boomerang. I giovani laureati in medicina che non entreranno nelle scuole di specializzazione si troveranno in una sorta di imbuto: non potranno accedere ai concorsi pubblici e dovranno per forza di cose cercare lavoro all’estero».

A questo link il post pubblicato da Avis Legnano sul tema

 



No comments yet.

Lascia un commento