Dopo 20 anni che dono, oggi è cambiato qualcosa…

FamigliaSono ormai 20 anni che mi presento regolarmente all’ospedale Niguarda di Milano per la donazione del sangue.

Il clima è familiare con tutto il personale. E’ un po’ come rincontrarsi dopo qualche mese e vedere quali novità ci sono.

Trovo sempre qualche miglioria. Dalla strumentazione sempre più tecnologica, dalle procedure di donazione sempre più veloci, per terminare con un’accoglienza sempre più attenta al donatore.

Ma questo come già detto è routine. Il donatore di sangue si sente veramente messo al centro delle attenzioni.

Quindi, questa volta ho voluto migliorare anche il mio modo di “affrontare” la donazione, non tanto dal punto di vista “fisico” ma dal punto di vista della condivisione di quello che stavo andando a fare e dell’importanza del gesto. Se gli dovessi dare un titolo, direi quasi una donazione 2.0 :-)

Cos’hofatto? Ho “semplicemente” fatto sapere a diverse persone che sarei andato a donare, cosa che non ho fatto nei 20 anni precedenti.

  • L’ho fatto sapere ai miei gli figli, 9 e 11 anni per iniziare a fargli sapere che papà è un donatore di sangue nella speranza che anche loro possano diventare donatori. Da qui sono nate diverse domande curiose, del tipo “Com’è possibile passare del sangue tra una persona ed un’altra?”…
  • L’ho fatto sapere ad alcuni miei amici, suscitando un certo interesse. Per il momento non se la sono sentita di prendersi “l’impegno” di venire a donare con me, ma ora lo sanno e magari la prossima volta ci verranno
  • L’ho fatto sapere tramite un whatsapp ai miei compagni di calcio e alcuni hanno mostrato la volontà di venire insieme a me la prossima volta. Uno di loro mi ha ringraziato per averlo fatto diventare un donatore di sangue
  • Avrei potuto condividerlo anche sui social, ma per il momento non mi sento a mio agio… sarà per la prossima volta, forse.

Ora, se alla prossima donazione sarò solo o in compagnia non lo so, ma la cosa più importante è che loro sanno che io sono un donatore di sangue e che un giorno se avranno voglia, andremo insieme a donare, e sarà mio compito rifare la stessa procedura la prossima volta.

Risultato? Sono più contento delle altre volte.

Ho preso consapevolezza che un donatore di sangue   può regalare la gioia di diventare donatore anche alle persone che gli stanno intorno, partendo dall’esempio in prima persona “solamente” facendolo sapere.

Sei pronto a far conoscere a tutti che tu sei un donatore di sangue?

Immagine: <a href=”https://www.freepik.com/free-photos-vectors/background”>Background vector created by kjpargeter – www.freepik.com</a>

https://www.freepik.com/free-vector/silhouette-family-walking-against-sunset-sky_2968532.htm

Autore: Christian Vianello



About Blogavismi

L' Associazione Volontari Italiani del Sangue è un'associazione apartitica, aconfessionale, senza fini di lucro, nata con lo scopo di promuovere la cultura della solidarietà e del dono del sangue come elemento fondamentale di una società che pone al centro la persona.
No comments yet.

Lascia un commento