Donare il sangue in smart working

Vi proponiamo un interessante e utile articolo, pubblicato sul sito di Avis Nazionale, su come funziona la donazione in smart working. Eccolo di seguito!

«Sono in smart working, come devo fare per donare il sangue? Come devo regolarmi con il mio datore di lavoro? Ho diritto al riposo?». Sono solo alcune delle domande che, sempre più persone, ci stanno rivolgendo in questo periodo. Questa condizione professionale, già attuata nel corso della pandemia dello scorso marzo, in alcuni casi è rimasta invariata fino a oggi, in altri è stata nuovamente introdotta alla luce della nuova ondata di contagi da Covid-19.

Blood donation

Ebbene, per coloro che, per dirlo in italiano, lavorano da casa, non vi sono indicazioni particolari, di conseguenza vale il cosiddetto “diritto al riposo” (art. 3 D.M. 8/4/1968), in base al quale “i dipendenti che donano gratuitamente il proprio sangue hanno diritto di astenersi dal lavoro per l’intera giornata in cui effettuano la donazione, conservando la normale retribuzione per l’intera giornata lavorativa. La giornata di riposo viene computata in 24 ore a partire dal momento in cui il lavoratore si è assentato per l’operazione di prelievo del sangue o, mancando tale riferimento, dall’ora in cui risulta effettuato il prelievo in base alle risultanze del certificato medico”.

Continua a leggere sul sito di Avis Nazionale 



No comments yet.

Lascia un commento